sabato 25 Maggio, 2024
14.7 C
Firenze

Ultimi articoli

PIANETA MAMME & BAMBINI – PICCOLI ORSACCHIOTTI ALLATTATI

Pianeta Mamme & Bambini – Approfondiamo con Lucrezia l’argomento nascita pretermine con i suoi consigli per l’allattamento dei “piccoli orsacchiotti”

Quando viene al mondo un neonato prematuro – prima delle 37 settimane di gestazione – necessita quasi nella totalità dei casi di essere ricoverato in neonatologia per un periodo di tempo, durante il quale viene tenuto sotto controllo e monitorato.

Sorge così la domanda: come fa la madre ad allattarlo in questi casi?

prematuro Allattare un bimbo così piccolino richiede ancora più motivazione e volontà da parte della madre, per aiutare il proprio corpo a produrre latte a sufficienza anche se il bambino non è ancora in grado di attaccarsi al seno e nonostante non siano vicini costantemente 24h su 24.

La mamma di un bimbo prematuro può aiutare il suo corpo a produrre più latte, massaggiando il seno, aiutandosi estraendo latte con il tiralatte durante il giorno – sostituendo le estrazioni alle poppate del bambino – conservando il latte tirato oppure portandolo in neonatologia per farlo somministrare al bambino, così da alimentarlo con il proprio latte.

Perché è importante che un prematuro si alimenti con latte di mamma?

Per le innumerevoli proprietà del latte materno e non solo:

  • Il corpo della mamma produce latte specifico per il proprio bambino, ciò significa che conterrà i corretti dosaggi necessari di nutrienti perché sia in grado di soddisfarlo ed aiutarlo a crescere: aumentate proteine, carboidrati, zuccheri, enzimi ecc…
  • Gli anticorpi contenuti nel latte materno permettono al bambino di rinforzare il proprio sistema immunitario e lo aiutano a costruire la prima barriera contro agenti patogeni a cui sono maggiormente sottoposti, proprio a causa della prematurità.
  • Se possibile, favorire il contatto pelle a pelle con la madre o con il padre, sfruttando la Kangaroo Mother Care ovvero la “Marsupio Terapia” (tenere il bambino legato al petto a contatto), aiutando innumerevoli processi di sviluppo nel neonato e incrementando (soprattutto nella madre) la liberazione di ossitocina e prolattina materna per la produzione di latte.
  • Sostenere ed incentivare la madre, procedendo un passo per volta, a portare il bambino al seno ed invogliarlo a cercare il capezzolo, così da poter permettere gradualmente al neonato di attaccarsi al seno materno e nutrirsi in autonomia.

Allattare un bambino prematuro richiede un grandissimo impegno ed è il dono più grande che una mamma possa fare al nuovo nato.

Dott.ssa Lucrezia Torrini, ostetrica

Hai domande per le nostre esperte? Scrivi nei commenti all’articolo o sulla nostra pagina Facebook i tuoi dubbi e gli argomenti che vorresti fossero trattati. Ti aspettiamo!

RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI RECENTI

da non perdere

Resta in contatto

Inserisci la tua email per essere sempre aggiornato sulle ultime novità!