martedì 19 Ottobre, 2021
8.3 C
Firenze

LA FIORENTINA BATTE LA SAMPDORIA DELL’EX CINCOTTA

Una battaglia senza esclusione di colpi quella andata  al Bozzi. La Viola si è imposta 4-2 su un’indomita Sampdoria guidata dall’ex allenatore gigliato Cincotta. La...

Ultimi articoli

LA FIORENTINA BATTE LA SAMPDORIA DELL’EX CINCOTTA

Una battaglia senza esclusione di colpi quella andata  al Bozzi. La Viola si è imposta 4-2 su un’indomita Sampdoria guidata dall’ex allenatore gigliato Cincotta. La...

CUPRA PADEL TOUR FINALE TAPPA DI FIRENZE

AL CENTRO PADEL FIRENZE SI E' SVOLTA LA TAPPA FIORENTINA DEL CUPRA PADEL TOUR 2021 Sabato 2 e Domenica 3 Ottobre presso il centro Padel...

L’EMPOLI FEMMINILE CADE IN CASA CONTRO L’INTER

Nella terza giornata di campionato, al Carlo Castellani di Montelupo Fiorentino, l’Empoli Femminile esce sconfitto per 1-4 contro l’Inter Le cose si fanno sin da...

LE VIOLA CADONO AL FRANCHI CONTRO LA JUVENTUS

La Juventus si aggiudica il match del Franchi vincendo 3-0 sulle Viola. Due volte Bonansea e Cernoia regalano i tre punti alle bianconere Nel debutto...

PIANETA MAMME & BAMBINI – IL “PENSIERINO” ALLA MAESTRA … E ALL’INSEGNANTE DI SOSTEGNO?

Pianeta Mamme & Bambini – La scuola è (quasi) finita! Riflessioni semiserie sul perché e sul per come fare (o non fare) il “pensierino” alla maestra. E del perché di rado ci si ricorda dell’insegnante di sostegno.

Ci risiamo. Nelle chat di classe si iniziano a raccogliere adesioni, suggerimenti, crisi e domande esistenziali riguardo al temutissimo “pensierino alla maestra“. Ma qual è il senso di tutto questo?

Si dimostra gratitudine ed affetto verso una figura sicuramente importantissima nelle vite dei nostri figli. Ma si dimostra anche ipocrisia: spesso si aderisce solo per non fare “brutta figura”, si accetta in modo passivo la proposta dell’ennesimo braccialetto, portamatite, vasetto, candela e chi più ne ha più ne aggiunga alla lista di “pensierini”. O si fanno regali a insegnanti con cui ci si è trovati a discutere tramite rappresentanti per tutto l’anno scolastico.

Io personalmente ho insegnanti, nel corpo docente di mio figlio, di cui ignoro persino la faccia: il mio è, si sa, il bambino con la 104… quindi io di rado ho notizie dal resto del “microcosmo classe” in cui gravitano gli altri bambini. Ma non mi astengo per questo dal dare la mia adesione in caso l’anno sia stato un anno di grazia.

E quindi, se io mi ricordo dell’esistenza di figure come  ad esempio la maestra di inglese (che mio figlio non segue per difficoltà legate alla sua diagnosi) o di quella di religione cattolica (al cui insegnamento io non ho aderito) perché il resto dei genitori si può allegramente dimenticare degli insegnanti di sostegno? Facile, perché “non sono affari che li riguardano”.

Ma chiariamo una cosa: il sostegno è al bambino ma sulla classe.

Quindi un insegnante di sostegno è, a tutti gli effetti, un docente al pari degli altri. Interagisce con tutti i bambini per creare un ambiente inclusivo, non si tira indietro se deve aiutare Giacomino ad allacciarsi le scarpe o Mariuccia a contare quanti elefanti si stanno dondolando sul filo di una ragnatela.

L’insegnante di sostegno è un docente per tutti, anche se principalmente la sua attenzione è legata alle difficoltà del bambino certificato, per dargli modo di essere il più possibile al pari con i compagni.

Non sono extra, sono parte attiva della vita di tutti i bambini in una classe. Sono risorse inestimabili. Poi ovviamente non sono supereroi, e anche nella categoria ci sono mele bacate che rischiano di fare più danni che beneficio, ma questo non toglie che siano indubbiamente “affari che riguardano tutti”.

Detto questo, a me personalmente piace fare un regalo alle persone che mi hanno dato qualcosa. Mi piace cercare di dimostrare che ho apprezzato la pazienza per quella telefonata inopportuna, per la domanda petulante o la dimenticanza riguardo a materiale da portare a cui hanno sopperito loro senza farlo notare. Mi piace dimostrare che, anche in questo caso, la persona va oltre all’etichetta del sostegno, dell’educativa, dell’assistente a qualcosa: perché la maestra è la maestra.

Tiziana Brio

Hai domande per le nostre esperte? Scrivi nei commenti all’articolo o sulla nostra pagina Facebook i tuoi dubbi e gli argomenti che vorresti fossero trattati. Ti aspettiamo!

RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI RECENTI

LA FIORENTINA BATTE LA SAMPDORIA DELL’EX CINCOTTA

Una battaglia senza esclusione di colpi quella andata  al Bozzi. La Viola si è imposta 4-2 su un’indomita Sampdoria guidata dall’ex allenatore gigliato Cincotta. La...

CUPRA PADEL TOUR FINALE TAPPA DI FIRENZE

AL CENTRO PADEL FIRENZE SI E' SVOLTA LA TAPPA FIORENTINA DEL CUPRA PADEL TOUR 2021 Sabato 2 e Domenica 3 Ottobre presso il centro Padel...

L’EMPOLI FEMMINILE CADE IN CASA CONTRO L’INTER

Nella terza giornata di campionato, al Carlo Castellani di Montelupo Fiorentino, l’Empoli Femminile esce sconfitto per 1-4 contro l’Inter Le cose si fanno sin da...

LE VIOLA CADONO AL FRANCHI CONTRO LA JUVENTUS

La Juventus si aggiudica il match del Franchi vincendo 3-0 sulle Viola. Due volte Bonansea e Cernoia regalano i tre punti alle bianconere Nel debutto...

da non perdere

PALAZZETTO DI SCANDICCI…. COVID FREE!

PALAZZETTO DELLO SPORT DI SCANDICCI : VOLLEY FEMMINILE TRA LA SAVINO DEL BENE VS IMOCO VOLLEY CONEGLIANO A PORTE CHIUSE? Sabato alle ore 18,00 al...

VOGLIAMO SOLO LAVORARE!

VOGLIAMO SOLO LAVORARE! Da Nord a Sud i cori di protesta di commercianti, ristoratori, palestre, fotografi e organizzatori di eventi ormai stremati dalla disastrosa...

PIANETA MAMME & BAMBINI – IL RIENTRO A SCUOLA DOPO IL LOCKDOWN

Pianeta Mamme & Bambini  - II rientro a scuola e il delicato rapporto tra Docenti e Genitori: collaborare è il segreto per cercare di...

Resta in contatto

Inserisci la tua email per essere sempre aggiornato sulle ultime novità!