lunedì 15 Luglio, 2024
21 C
Firenze

Ultimi articoli

PIANETA MAMME & BAMBINI – IL RIENTRO A SCUOLA DOPO IL LOCKDOWN

Pianeta Mamme & Bambini  – II rientro a scuola e il delicato rapporto tra Docenti e Genitori: collaborare è il segreto per cercare di non combattere draghi inesistenti

Fortunatamente in questo secondo lockdown i bambini con certificazione sono potuti andare a scuola in presenza dov’é stato possibile, a volte anche con piccoli gruppi di compagni.

In alcuni casi era impossibile farlo in sicurezza, quindi la collaborazione tra scuola e famiglia è stata quanto mai fondamentale.

Ma veniamo al punto: la parola chiave è appunto collaborazione. Il rapporto tra genitori e docenti è spesso spinoso, difficile e fonte di continui tiri di scherma che neanche alle olimpiadi si  vedono certi affondi e parate da ambo le parti.

Questo capita perché, di base, c’è una grandissima difficoltà a comunicare e a fidarsi a vicenda, si tende a vedere l’altro fronte come un nemico e non come un alleato importantissimo: i genitori hanno dubbi e paure, gli insegnanti hanno esperienza teorica e didattica da svolgere.

C’è la tendenza da parte di tutti ad essere supponenti, invece che avere l’umiltà di relazionarsi “alla pari”. Ebbene si, alla pari.

Bisogna fare un respiro profondo e capire che fare squadra è meglio che minare il lavoro dell’altra parte. Che tu sia mamma o docente con tre master sul sostegno, senza collaborazione non porterai il tuo bambino da nessuna parte.

scuola I docenti hanno studiato per insegnare, spesso sono anche specializzati nel sostegno, quindi sanno cosa fanno, hanno strategie e formazione specifica.  Dall’altra parte, i genitori sono i massimi esperti del loro bambino, e lo conoscono da quando è nato. Sanno leggerlo come un libro aperto prima che possa scatenarsi la crisi.

Per questo il gioco di squadra è fondamentale: sono due pezzi di una stessa mappa, la conoscenza del come fare didattica e la conoscenza del bambino. Senza l’altra metà non arriverete da nessuna parte, né genitori né insegnanti. Nessuno arriva a destinazione da solo.

Un genitore che affida il proprio figlio autistico, magari non verbale, nelle mani di un insegnante gli sta dando il bene più prezioso che ha: il suo futuro.

E’ normale che possa essere spaventato, a volte anche aggressivo. Nella sua testa c’è un turbinio di paure che possono sembrare stupide: starà bene, saprà farsi capire, lo sapranno ascoltare?

Dall’altra parte, anche un docente è lecito che abbia delle paure: mi diranno le cose come sono, mi aiuteranno a capire il loro bambino, si fideranno di me e della mia formazione?

Per questo occorre farsi un profondo esame di coscienza e tendere la mano all’altro membro del team. Bisogna essere disponibili all’ascolto, al fare domande, a prendere nota e al mettere in pratica le strategie suggerite, che si sia genitore o docente formato.

Nessuno è troppo esperto per imparare dall’altro, perché si vive il bambino in due contesti di vita totalmente diversi.

Non esistono due bambini, uno a casa e uno a scuola. Esiste un solo bambino che vive entrambe le situazioni, per questo deve avere intorno una rete coesa e collaborativa.

Bisogna avere fiducia, perché si lavora in sinergia per il bene del bambino.

Tiziana Brio

Hai domande per le nostre esperte? Scrivi nei commenti all’articolo o sulla nostra pagina Facebook i tuoi dubbi e gli argomenti che vorresti fossero trattati. Ti aspettiamo!

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

ARTICOLI RECENTI

da non perdere

Resta in contatto

Inserisci la tua email per essere sempre aggiornato sulle ultime novità!